Saldi Invernali 2019: si parte sabato

Previsioni di spesa: a famiglia di 325 euro, circa 140 euro pro capite

03 Gennaio 2019
Guarda anche: AttualitàEventiItalia

La Regione Lombardia, con apposita delibera, ha stabilito che i saldi di fine stagione invernali hanno inizio  il primo giorno feriale antecedente l’Epifania di ogni anno: quindi il primo giorno per i saldi invernali 2019 sarà sabato 5 gennaio

Ricordiamo che le vendite di fine stagione sono effettuate dall’operatore commerciale al fine di esitare, durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo, prodotti non alimentari di carattere stagionale o articoli di moda e, in genere, prodotti che se non venduti entro un certo tempo, siano comunque suscettibili di notevole deprezzamento. Le vendite di fine stagione possono essere effettuate, tenuto conto delle consuetudini locali e delle esigenze del consumatore, soltanto in due periodi dell’anno, della durata massima di sessanta giorni, determinati dalla Giunta Regionale, sentite le Camere di Commercio, le associazioni dei Commercianti maggiormente rappresentative e le Associazioni dei consumatori. Per quanto concerne le vendite promozionali dei prodotti delle calzature, abbigliamento e relativi accessori, si ricorda infine che non possono essere effettuate nei periodi dei saldi e nei trenta giorni antecedenti l’inizio degli stessi.

Le previsioni sui saldi dell’Ufficio Studi di Confcommercio
Interessano oltre 15 milioni di famiglie, muovono in totale 5,1 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 325 euro, circa 140 euro pro capite: sono questi, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, i numeri dei saldi invernali che partono il 2 in Basilicata e Sicilia, il 3 in Valle d’Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni. Per Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia, “saranno saldi – euro più euro meno – in linea con quelli dello scorso anno, ma avranno la straordinaria opportunità di risvegliare i consumi. I consumatori potranno così tornare a trovare ‘vere’ occasioni nei nostri negozi; noi commercianti potremo affrontare più sereni le prossime scadenze; le vie ed i centri dei nostri Comuni avranno l’opportunità, offerta dalla moda, per rianimarsi. Rinsaldare le relazioni con i clienti all’insegna della trasparenza del rapporto prezzo/qualità e della fiducia, con professionalità e servizio offerti nei negozi di prossimità. Questo è il ‘mood’ che caratterizza questo particolare momento di vendite. Il 2018 si è chiuso senza botti e con molte preoccupazioni per i commercianti che si vedono schiacciati da consumi che non decollano, concorrenza sleale del ‘wild’ web, costi incomprimibili e tasse sempre più asfissianti. Bene dunque l’aver sterilizzato per questo 2019 l’incremento di 2,2 punti percentuali dell’Iva che sarebbe schizzata dal 1° gennaio al 24,2%, ma occorre molto di più per rilanciare la nostra economia a partire dall’eliniminazione delle clausole di salvaguardia che invece sono incrementate per valore, la riduzione del costo del lavoro e la previsione di una web tax per i colossi del web, vista la difficoltà di avere un’univoca norma comunitaria”.

STIMA DEI SALDI INVERNALI 2019
VALORE SALDI INVERNALI (miliardi di euro)

5,1

NUMERO FAMIGLIE ITALIANE (milioni)

26

NUMERO FAMIGLIE CHE ACQUISTANO IN SALDO (milioni)

15,6

ACQUISTO MEDIO A FAMIGLIA PER SALDI INVERNALI (euro)

325

NUMERO MEDIO DEI COMPONENTI PER FAMIGLIA

2,3

ACQUISTO MEDIO A PERSONA NEI SALDI INVERNALI (euro)

141

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio

Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Confcommercio ricorda alcuni principi di base:

1Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

2Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante.

3Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.

4Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.

5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Confcommercio segnala, inoltre, le varie iniziative promosse sull’intero territorio nazionale da Federazione Moda Italia, come “Saldi Chiari”, “Saldi Trasparenti”, “Saldi Tranquilli”.

Tag:

Leggi anche:

  • Davide Van De Sfroos ospite del Liceo Leopardi

    È una lezione che difficilmente dimenticheranno quella a cui hanno assistito mercoledì mattina gli studenti del Liceo Leopardi. In cattedra, a raccontare di vita, verità, cadute e risalite, Davide Van De Sfroos, che ha ripercorso le tappe più importanti della sua carriera di cantautore, partita
  • Vivaldi e Pergolesi all’Auditorium Casa dell’Economia

    Venerdì 22 marzo alle ore 20.30 all’Auditorium Casa dell’Economia (via Tonale, 28/30) va in scena Vivaldi e Pergolesi dell’Orchestra laVerdi Barocca STAGIONE TEATRALE 2018-2019 – MUSICA CLASSICA Orchestra laVerdi Barocca Ruben Jais, direttore Ensemble vocale laVerdi
  • Leggermente, in Sala Ticozzi “In Gioco: Le Buone Pratiche”

    Una giornata per le scuole centrata sul tema scelto per la decima edizione di Leggermente, ovvero “In gioco”. L’appuntamento è fissato per sabato 23 marzo dalle ore 15 presso sala Ticozzi in via Ongania a Lecco. L’incontro, dal titolo “In gioco: le buone pratiche”, verrà introdotto e
  • Progetto SIMILE per la Giornata Mondiale dell’Acqua

    Si celebra oggi la Giornata Mondiale dell’Acqua, ricorrenza istituita nel 1992 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con l’obiettivo di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’importanza del bene primario per eccellenza. Il tema dell’edizione 2019 è “Leaving