Questa è l’ora del Campari

Antonio Pasquini: questo cambiamento stravolgerebbe inevitabilmente la abitudini degli Italiani,  a vantaggio dei paesi baltici e scandinavi.

05 Settembre 2018
Guarda anche: AttualitàLombardiaMondo

La Commissione Europea,dopo un sondaggio che in Italia ha avuto un sensazionale ed epocale insuccesso, proporrà al Parlamento Europeo di vietare i cambi periodici fra l’ora legale e l’ ora solare.
La notizia, complice la scarsa reputazione che gode in Italia l’illuminato presidente della Commissione Europea Juncker, è stata accolta con sarcasmo e scherno.
Lo stesso Jean-Claude Juncker, forse con l’orologio regolato sull’orario notturno dei bar di Bruxelles rispetto all’ orario attualmente in vigore, ha rilasciato un intervista in merito confusa e contraddittoria.
Ognuno ha capito una cosa diversa  ed  è  dovuto intervenire un alto funzionario della Ue a chiarirci che il quesito era più o meno questo :
A)Volete voi mantenere le attuali disposizioni dell’UE relative all’ora legale, previste dalla direttiva 2000/84/CE?
Oppure
B)Volete voi
cessare l’attuale pratica del cambiamento di orario semestrale in tutti gli Stati membri e vietare i cambi periodici di orario?
Con la facoltà di ciascuno Stato membro  di decidere se optare per l’ora legale permanente o per l’ora solare permanente (o per un’altra ora).
Ai sudditi,chiarito l’importante annuncio, è  venuto il dubbio che ci fossero questioni più urgenti da risolvere  come la disoccupazione giovanile, l’immigrazione, i dazi, l’instabilità politica dell’ area del Mediterraneo ecc.
La questione non è di poco conto e non va banalizzata né liquidata con una battuta.


Escludendo per logica un sistema misto in Europa fra paesi che adottino l’ora legale e paesi che adottino l’ora solare perché avrebbe costi elevati da gestire per imprese,  trasporto pubblico ecc.
Un cambiamento dell’ attuale sistema avrebbe ricadute estremamente negative per l’Italia e gli altri paesi del sud Europa.Con l’ora solare d’estate il sole sorgerebbe alle 5.00 di mattino e tramonterebbe alle 20.00.Una soluzione dannosa per il nostro paese.
Avere il sole alle 5 di mattino sul Belpaese non arrecherebbe nessun vantaggio se non ai panettieri, mentre con lo slittamento di un’ ora tutti possiamo avere giornate più lunghe d’estate.
Mentre se adottassimo l’ora legale d’inverno è  vero che avremmo un ‘ora in più alla sera,ma rischiamo di non vedere il sole quasi sino alle 9.00 di mattina ed il nostro sistema socio economico inizia ben prima delle 9.00.
Questo cambiamento stravolgerebbe inevitabilmente la abitudini degli Italiani,  a vantaggio dei paesi baltici e scandinavi.
Inoltre questo meccanismo ci permette, secondo i dati Terna, di risparmiare oltre cento milioni di euro all’ anno di energia elettrica.Non poco direi.
L’annuncio del cambio di sistema  dell’ augusto ed Illuminato Juncker dimostra ancora una volta che questa Ue è  contro gli interessi dell’Italia.

Tag:

Leggi anche:

  • Vivaldi e Pergolesi all’Auditorium Casa dell’Economia

    Venerdì 22 marzo alle ore 20.30 all’Auditorium Casa dell’Economia (via Tonale, 28/30) va in scena Vivaldi e Pergolesi dell’Orchestra laVerdi Barocca STAGIONE TEATRALE 2018-2019 – MUSICA CLASSICA Orchestra laVerdi Barocca Ruben Jais, direttore Ensemble vocale laVerdi
  • Leggermente, in Sala Ticozzi “In Gioco: Le Buone Pratiche”

    Una giornata per le scuole centrata sul tema scelto per la decima edizione di Leggermente, ovvero “In gioco”. L’appuntamento è fissato per sabato 23 marzo dalle ore 15 presso sala Ticozzi in via Ongania a Lecco. L’incontro, dal titolo “In gioco: le buone pratiche”, verrà introdotto e
  • Raddoppiano le presenze alla Pista di Pattinaggio di Lecco XXL

    È stato l’inverno dei record quello della Pista di Pattinaggio di Lecco XXL di piazza Garibaldi che, in più di ottanta giorni di permanenza, ha fatto registrare oltre venticinquemila presenze, più del doppio rispetto all’anno precedente. Inaugurata il 1°dicembre 2018, la pista di
  • Leggermente 2019, da lunedì si parte

    L’appuntamento con il festival Leggermente, quest’anno dedicato al tema “In gioco”, si svolgerà dal 18 al 24 marzo: sono attesi 10 mila studenti con 160 eventi e 87 autori. Leggermente, organizzata da Confcommercio Lecco e Assocultura Confcommercio Lecco, con il patrocinio della Presidenza